Pagine

Post Tecnico

Diritto del ricamo
Rovescio del ricamo

Disegni ricamati con tensione a 3.8


Buongiorno,
oggi un post in cui vorrei parlarvi della tensione del filo.
premetto che sono sempre stata "terrorizzata" all'idea di dover modificare la tensione.
Ricamando questi sacchetti noterete nella foto che dove ci sono i lacci il tessuto è molto tir...e posso dire a questo punto paura insensata perchè una volta spenta e riaccesa la macchina ato.
Consigliata da Alice di Sa.Fil ho fatto una prova/compitino; ricamando i lacci delle scarpette ho cambiato di volta in volta la tensione; la mia macchina è tarata a 4 ma ho provato ad abbassarla di o,2 punti arrivando da 3.8 a 3.4; io ho trovato la tensione ideale a 3.8 e come potrete vedere dai sacchetti che trovate nelle ultime due foto il lavoro risulta migliorato.
E' importante guardare anche il retro del ricamo; e in effetti dietro deve vedersi il cotone della spoletta bianco nel centro e ai lati il colore del filo (o sbaglio Alice???? a te la parola).
Magari questo può essere un post per confrontarsi sulle nostre esperienze!
Baci atutte,
Debora

7 commenti:

Cinzia ha detto...

Ciao Debora,io approvo in pieno ,la prova del nove poi è proprio il rovescio,per me la verifica va proprio fatta così e lo faccio sia sulla Pr che sulla Se ,marche diverse ,modelli diversi ,ma il risultato alla fine è lo stesso. Consiglio a tutte di fare questo test,utilissimo!
ciao
Cinzia

Paola - La Stanza Creativa di Paola ha detto...

Ciao Debora, anche a me Alice ha insegnato di fare così ma io ho anche messo mano alla vitina del cestello inferiore porta spolina, sapevo da tempo che se volevo migliorare i miei ricami dovevo assolutamente metterci mano, ma non ne avevo il coraggio, alla fine mi sono decisa, avevo i sudori freddi... ma con calma ci sono riuscita!!
Grazie alla MITICA ALICE!!!!
baci

handmadecreativity ha detto...

Utile questo post... farò qualche prova con scritti vicini i numeri la prossima volta che riuscirò a mettermi al lavoro :-)
Ciao, Taced

Alice ha detto...

ahhhhhhhh, sentivo fischiare le orecchie! Eccomi. Perfetto Debora, è proprio ciò che intendevo. Bisogna conoscere la propria macchina e saperla gestire. Questo lo si fà con delle piccole prove e muovere questo o quel comando (o vite come ha fatto Paola) non è irreversibile. Poi arriverete a fare come me: smontare completamente la macchina perchè il tecnico non ne veniva al verso! ahahahahahahhah
A parte gli scherzi, mi fà piacere immenso che stiamo tutte crescendo nel ricamo a macchina.
Strabaciotti

zigzago ha detto...

Bellissimo questo lavoro! Non ho una macchina che ricama (non ancora, la sogno e prima o poi ...) ma con la mia macchina da cucire ho sempre il timore anche io di "giocare" con la tensione, con la taglia-cuce invece ho piu confidenza con la tensione.
Grazie per essere passata da me e grazie per i complimenti. Ti auguro un buon fine settimana, Renata.

Twinscreations ha detto...

si questi sono i post perfetti per me spiegazione con foto grande Debora. La ricamatrice arriverà lunedì e poi aiutoooooooooooo quanto ti rompero'. Ne approfitto per presentarmi alle altre ragazze sono Silvia non so ancora usare una macchina da cucire ma ho fatto la pazzia e come ho detto da lunedì avrò la mia bimba ricamatrice baci a tutte

Ricami e biscotti ha detto...

Io penso che il bello dei blog è potersi confrontare, imparare l'una dell'altra e crescere insieme!
Sono felice Silvia della tua "bimba"....
Nel mio piccolo io ci sarò!
Un abbraccio a graze a tutte
Debora